Ray Ban Junior Mexico

Video Dall’Olimpico all’altare, dalla maglia bianco celeste all’abito del matrimonio. Non sono state “nozze blindate” quelle del capitano trequartista della Lazio, Stefano Mauri, che ha sposato la ballerina pugliese Miriam Della Guardia nella chiesa Trullo del Signore della Selva di Fasano. Il paesaggio collinare e il più grande trullo della Puglia sono stati lo scenario scelto dal giocatore e la sua sposa per celebrare il loro “sì”.

Vedendo il film >, ho pensato alla passeggiata di J. Gambardella sulle sponde del Tevere del film precedente >, o meglio ad i suoi occhi chiusi nella scena finale e che riaprendoli si sia ritrovato allo “Schatzalp Hotel di Davos”, l’Hotel dove è ambientato tutto tranne il finale il film. Qui, anziano e nei panni di Fred Ballinger, circondato da persone, che allegoricamente sono aspetti della vita oltre a persone realmente esistenti, continua la sua riflessione sulla vita, meno cinica e sarcastica ma forse più apatica.

Kowalski, Eddie Romero ed Héctor Olivera, senza la notorietà che offrì ai suoi primi attori feticcio o comunque da lui amati: Mike Connors, Beverly Garland, Susan Cabot, Pam Grier e David Carradine. Anderson (Death Race del 2008 con Jason Statham, Joan Allen e Tyrese Gibson), ma anche la presenza sul grande schermo di attori come Jack Nicholson (The Cry Baby Killer del 1958, Le colline blu del 1965 e La sparatoria del 1967), Dennis Hopper (Queen of Blood del 1966 e White Star del 1983); John Cassavetes (Facce senza Dio, 1967), Sylvester Stallone (Quella sporca ultima notte del 1975 e Anno 2000 La corsa della morte del 1975), Barbara Steele (Piraa, 1978), Jamie Lee Curtis (Passione fatale del 1983), Rod Steiger (Captain Nuke and the Bomber Boys del 1995), per non parlare di telefilm come Black Scoprion (2001) e Splatter (2009).Debutto da registaSposato con Julie Corman, attrice e produttrice che è diventata sua moglie nel 1970 e lo rende padre di ben 4 figli, fra i quali l’attrice Catherine Corman, comincia a pensare che forse potrebbe avere un più completo controllo sulle sue opere se diventasse anche lui un regista. Detto fatto.

Fabio Bo, su IL MESSAGGERO, lo definisce un “romanzetto popolare” troppo melodico e stridente che trova la sua unica ragion d’essere nel volto del protagonista, Ricky Memphis, coatto scatenato, ma dal cuore pulito dentro il petto.Dal 2007, dirige invece i cinepanettoni prenatalizi di Massimo Boldi che, orfano dell’accoppiata con Christian De Sica, corre da solo nella corsa al botteghino. Arrivano Matrimonio alle Bahamas (2007) e Matrimonio a Parigi (2011). Nel primo, Boldi è un milanese sposato con un’ignorantella, Anna Maria Barbera, ma che deve anche vedersela con personaggi minori come il tamarro romanesco interpretato da Enzo Salvi e uno sgangherato Biagio Izzo.

Lascia un commento